"Andrea contro Sveva" di Francesca Panzacchi vince il premio letterario "Il delfino"

Concorsi letterari

Scritto da La Redazione

Francesca PanzacchiSono stati resi noti i nomi dei vincitori della dodicesima edizione del prestigioso Premio Letterario Nazionale "Il Delfino": la bolognese Francesca Panzacchi con il romanzo noir "Andrea contro Sveva" (Ciesse Edizioni 2013) si aggiudica il Primo Premio nella sezione dedicata ai libri editi con riferimento al mare e ai suoi significati; il premio per la poesia va invece ad Annamaria Risolo, mentre Fabiano Corsini vince la sezione "Memoria e litorale pisano".

Il Premio Letterario "Il Delfino" è organizzato dalla Pro Loco del Litorale Pisano ed è inserito nel Cartello Eventi Estate 2014 di "Marenia - non solo mare". Il Comitato Organizzatore è composto dal Consiglio Direttivo della Pro Loco Litorale Pisano ed è presieduto dal Dott. Alessandro Nundini.
La Giuria, presieduta dal dott. Giulio Panzani, è composta da: Giuseppe Meucci, Nicla Morletti, Salvatore Duca, Valeria Serofilli, Roberto Sonnini, Francesca Zucchelli e Paolo Briganti, Segretario con diritto di voto.
La cerimonia di premiazione si terrà domenica 7 settembre 2014, alle ore 17 nella splendida cornice di Villa Bondi a Marina di Pisa.

A commento dell’opera di Francesca, pubblichiamo la prefazione al romanzo scritta da Bruno Elpis.

Il vizio dello scorpione
di Bruno Elpis

Tutti sanno qual è il vizio dello scorpione.
E di un vizio discutono anche Sveva e Andrea.
Quale vizio? Fare l’amore nell’acqua?”, chiede lei fingendo di non capire. Maliziosa e provocatoria, come sempre.
No, quello è un vizio che mi piace … intendevo quel brutto vizio che hai …” Ma qui mi fermo e non svelo di quale patologia si sta parlando, perché il finale di un romanzo non può essere svelato. Tanto più in una prefazione.

 

Percorsi di lettura: la scala a chiocciola

Letture consigliate

Scritto da La Redazione

Il filmIl secondo percorso di lettura che proponiamo s’inerpica lungo i pioli… di una scala a chiocciola.
Simbolo in certi rituali iniziatici (nei quali l’ascensione non si compie verticalmente, bensì secondo le curve dell’elica che si avvolge intorno all’asse, e rappresenta la salita attraverso la gerarchia degli stati dell’essere), ricorre nei sogni ove interpreta il desiderio o il bisogno di raggiungere una meta o di elevarsi dalla propria condizione attuale. Uno dei sogni più celebri è quello di Giacobbe: vede una scala che finisce in cielo ed è il “ponte” fra l’uomo e il divino.
Per Freud, salire e scendere la scala è rappresentazione sessuale del sognatore alla ricerca di appagamento (scala in greco, climax, significa orgasmo e apice del piacere).

 

Gli e-book gratuiti di Abaluth: “Ditelo con i fiori”

Ebooks

Scritto da La Redazione

coverL'amore è un fiore delizioso, ma bisogna avere il coraggio di andare a coglierlo sui bordi di un precipizio spaventoso” (Stendhal, Sull'amore).

In pieno periodo ferragostano ha visto la luce l’e-book nato dal contest di Abaluth intitolatoDitelo con i fiori”. Nell’antologia  gli autori declinano il tema floreale naturalmente con differenti… colori e sfumature! Le storie spaziano infatti dal romance all’horror, passando per il noir e accarezzando perfino la fantascienza.

I racconti sono impaginati ed editati con l’abilità di Fabrizia Scorzoni e vantano la cover di Ilaria Tuti, neo-vincitrice del Gran Giallo Città di Cattolica, da noi recentemente intervistata: a loro dedichiamo le fotografie dei fiori che qui pubblichiamo…

 

ciliegi e Fuji

 

L’amore negato di Giancarlo Vitagliano

Ebooks

Scritto da Bruno Elpis

coverL’amore negato”, un e-book di Lettere Animate Editore, rappresenta un altro affondo di Giancarlo Vitagliano nel noir, dopo il precedente di “Che musica ascolti”.
Con la nuova opera il cardiologo-romanziere ci conduce negli anfratti malavitosi della sua città, Napoli, ponendo un drammatico interrogativo: può l’individuo ribellarsi a una realtà familiare di delinquenza? Ovvero il destino individuale è irrimediabilmente segnato fin dalla nascita?

La narrazione prende il via da un delitto: “Assunta Noci, la boss della famiglia omonima, è stata trovata morta nella sua vasca da bagno. Sembra che si sia addormentata e sia affogata…
Anche se Assunta è “la capoclan di una potente famiglia camorristica”, le ricostruzioni operate dall’indagine  mettono in luce che la “figlia di don Luigi ‘o cecato, il boss della malavita napoletana” è sensibile e aspira a una vita onesta. Purtroppo questi impulsi vengono frustrati dai casi della vita: su tutti, la terribile esperienza con Salvatore Prisco detto Faccia d’angelo, “il delfino di don Luigi”

 

Percorsi di lettura: la metamorfosi

Letture consigliate

Scritto da La Redazione

Il primo percorso di lettura che proponiamo è un itinerario che ha come tema “la metamorfosi”. Per approfondire ciascuna tappa è sufficiente cliccare sul titolo dell’opera e sarete rimandati al relativo commento.

Al termine “metamorfosi” [dal gr. μεταμόρϕωσις, derivato di μεταμορϕόω «trasformare», composto di μετα- «meta-» e μορϕή «forma»] il vocabolario Treccani assegna tre significati:

1. Trasformazione, e in particolare trasformazione di un essere o di un oggetto in un altro di natura diversa, come elemento tipico di racconti mitologici o di fantasia, spesso soggetto di opere letterarie, specialmente del mondo classico, nelle quali il termine è usato anche come titolo (nella traduzione italiana), soprattutto al plurale.

 

Intervista a Ilaria Tuti, vincitrice del premio “Gran Giallo Città di Cattolica 2014”

Letture consigliate

Scritto da Bruno Elpis

Ilaria TutiIlaria Tuti, oltre che talentuosa scrittrice, è illustratrice presso le edizioni Nero Press e  anima il forum di Abaluth (ove, tra l’altro, crea le cover per gli e-book che raccolgono i racconti selezionati nei vari concorsi). Le risposte che ha fornito alle nostre domande vengono corredate dalle immagini di alcune sue opere.

D - Dunque hai vinto!  E queste sono le motivazioni del premio: “Quando il delitto in famiglia assume una connotazione arcana, sfruttando gli archetipi della tragedia greca per delineare personaggi di spessore e ambientazioni originali, che costruiscono un'impalcatura narrativa solida e avvincente”. Cosa ne pensi?
La prima parola che ha attirato la mia attenzione è stata “arcana” e ho pensato che allora ero riuscita a dare al racconto l’aura di mistero quasi sacrale che mi ero riproposta. Volevo ammantare il delitto di un fascino antico e caricarlo di emozioni che andassero oltre l’orrore suscitato dalla morte.
Sono poi felice che i personaggi risultino di spessore, perché nelle mie storie i sentimenti, positivi o negativi, vengono prima di tutto. Per le ambientazioni mi sono affidata a una parte della mia terra (ndr: il Friuli) così splendida che non ha bisogno di finzioni letterarie per affascinare, tanto che anch’io che la conosco da quando sono nata scopro sempre qualche dettaglio storico o artistico che ignoravo.

 

IRA DOMINI - Sangue sui Navigli - Romanzo di Franco Forte

Letture consigliate

Scritto da La Redazione

cover

Prima di CSI e dei RIS le straordinarie tecniche investigative di Niccolò Taverna, notaio criminale nella Milano del 1500 piagata dalla peste.

Il notaio criminale Niccolò Taverna è tornato. E con lui tornano i delitti e i misteri nella splendida cornice della Milano cinquecentesca. 1576, agosto, il caldo infuria ma Niccolò Taverna non può riposare e godersi la compagnia di Isabella Landolfi, bellissima, intelligente, indipendente. Anche questa volta deve fronteggiare due casi allo stesso tempo. Come se non bastasse la peste, infatti, un misterioso assassino armato di balestra va in giro a ridurre ulteriormente la popolazione di Milano.

 

Pagina 1 di 4

«InizioPrec.1234Succ.Fine»

Poesia

Copertina di Vortici, raccolta di poesie di Ilaria Spes, Edizioni REI

Chi è online

 26 visitatori online

Login



Diario di un Tifoso Napoletano

La rubrica torna online dal 1 settembre 2013 su francescodagostino.name

Segui Diario di un Tifoso Napoletano sul mio blog e su Twitter (@diarionapoli).

I vecchi post sono qui.

Incipit dei racconti

Cerca